Il portoghese anche dall’Arabia Saudita continua ad essere un riferimento per il calcio mondiale

L’anno 2023 è stato quello che per Cristiano Ronaldo è stato quello del trentottesimo compleanno. Un’età in cui molti calciatori appendono le scarpette al chiodo o, nel caso dei più grandi, emigrano verso campionati meno seguiti come premessa per la pensione. Si poteva pensare avesse fatto lo stesso anche il portoghese, ma lui è andato in Saudi League con tutta l’intenzione di non mettere da parte la mentalità vincente che lo ha reso uno dei calciatori più forti della storia del calcio.

Non avrà il talento di Messi o Maradona, ma tutti lo ricorderanno per la sua capacità di aver trasformato il suo corpo in una macchina perfetta applicata al calcio. Essere campioni è anche questo, anche perché le qualità tecniche non sono certo ordinarie.

L’anno 2023 sarà così anche quello in cui Cristiano Ronaldo sarà il miglior marcatore dell’anno solare. 53 le reti realizzate, meglio di Mbappè (52) e Haaland (50). Qualcuno metterà in rilievo il fatto che il secondo ed il terzo giocano competizioni che hanno un livello di difficoltà maggiore rispetto al portoghese, ma la notizia è che anche lontano dai palcoscenici tradizionali del calcio internazionale il portoghese trova il modo di far parlare di sé. Una virtù che è evidentemente tipica dei più grandi.

Si tratta dell’ottava volta nella sua carriera che Cr7 va oltre i 50 gol nell’anno solare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *