Il figlio d’arte porta in vantaggio la nazionale a stelle e strisce, poi il pareggio su rigore del capitano dei gallesi

Dopo la roboante vittoria dell’Inghilterra sull’Iran, nel Girone B di Qatar 2022 finisce 1-1 tra USA e Galles. I dragoni tornano ai mondiali dopo 64 anni, guidati dal capitano Gareth Bale. Voglia di riscatto, invece, per gli Stati Uniti, assenti nell’ultima manifestazione in Russia.

Parte meglio la nazionale a stelle e strisce, che al 10′ sfiora il gol in due circostanze ravvicinate: prima, su cross di Weah, Rodon costringe il proprio portiere alla parata d’istinto; poi, sugli sviluppi dell’azione, Sargent trova il palo esterno di testa. La partita è poco spettacolare, ma molto intensa e combattuta: prima Dest e McKennie, poi Bale e Mephan rimediano il cartellino giallo. Il Galles fatica a trovare le giuste combinazioni offensive: Bale sembra fuori condizione, James poco ispirato. Al 36’si sblocca il match: Pulisic illumina per il taglio di Weah, che solo davanti al portiere non sbaglia: gol all’esordio per il figlio di George e USA meritatamente in vantaggio. L’1-0 si mantiene sino al termine del primo tempo.

Nella ripresa il ct dei gallesi Page prova a cambiare le carte inserendo Moore. Il Galles è sicuramente più intraprendente, ma non riesce a creare nitide occasioni da gol fino al 64′, quando arriva la più grande: durante una mischia, Davies devia sotto porta, esaltando i riflessi di Turner; sul successivo corner, Moore anticipa tutti di testa, ma la sfera sorvola la traversa. Nella seconda metà della ripresa gli USA riprendono in mano il pallino del gioco, affidandosi ad un Pulisic straripante, migliore in campo in assoluto. Sembra fatta per gli uomini di Berhalter, ma ecco l’episodio che cambia la partita. All’80’ Zimmerman frana su Bale in piena area: non ci sono dubbi, è penalty. Sul dischetto si presenta Bale, che con un mancino secco non lascia scampo a Turner, per il gol dell’1-1.

Con le ultime energie rimaste, le due squadre provano ad organizzare l’assalto finale, senza creare particolari pericoli. Dopo un recupero monstre di 9 minuti, l’arbitro fischia la fine del match: termina 1-1 tra USA e Galles. Un punto a testa per le due nazionali, che probabilmente si giocheranno la seconda posizione nel girone per  l’accesso agli ottavi di finale.

TABELLINO

USA (4-3-3): Turner; Dest (dal 29′ st Yedlin), Zimmerman, Robinson, Ream; McKennie (dal 21′ st Aaronson), Adams, Musah (dal 29′ st Perry-Acosta); Pulisic, Weah (dal 43′ st Morris), Sargent (dal 29′ st Wright). A disposizione: Horvath, Johnson, Reyna, Ferreira, De La Torre, Long, Moore, Roldan, Wright, Carter-Vickers, Scally. Commissario tecnico: Berhalter

Galles (3-4-3): Hennessey; Mepham, Rodon, Davies; C. Roberts, Ampadu (dal 50′ st Morrell), Ramsey, N. Williams (dal 34′ st Johnson); Wilson (dal 48′ st Thomas), Bale, James (dal 1′ st Moore). A disposizione: Ward, Davies, Gunter, Allen, Locyer, Williams, Harris, Levitt, Cabango, Colwill, Smith. Commissario tecnico: Page

Reti: al 36′ pt Weah, al 37′ st Bale (rigore)

Ammonizioni: DestMcKennie, Bale, Mepham, Ream

Recupero: 4 minuti nel primo tempo, 9 minuti nel secondo tempo

Post correlati

One thought on “USA-Galles 1-1, Bale risponde a Weah. Ecco il primo pareggio a Qatar 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *