I nerazzurri sono sempre più vicini alla seconda stella, a tutti potrebbe non essere chiaro il perché

La vittoria dell’Inter sull’Atalanta per molti rappresenta una vera e propria ipoteca sullo scudetto. Un trionfo che, se dovesse concretizzarsi per gli uomini di Simone Inzaghi, equivarrebbe ad arrivare alla possibilità di aggiungere al logo sulla maglia la seconda stella. Questo perché la società nerazzurra arriverebbe a fregiarsi del ventesimo scudetto.

Cosa indica la stella sul petto?

Il concetto di Stella nel mondo dello sport è quasi universalmente riconosciuto come simbolo del merito sportivo. Nel mondo del calcio italiano è perciò diventato una sorta di distintivo per tutte quelle che squadre che vincono dieci scudetti. La Juventus che ne ha oltre 30, porta sul petto tre stelle. Un tema che, tra l’altro, qualche anno fa su oggetto di polemiche, poiché ci fu una sorta di disputa su quando i bianconeri avrebbero potuto sfoggiare le tre stelle tenuto conto che due scudetti conquistati sul campo erano stati revocati in seguito ai fatti di Calciopoli e la società bianconera ha sempre ritenuto quei trionfi come propri.

La Juventus fu la prima squadra ad avere la stella sulle maglie. Nel maggio del 1958 le cronache riferiscono che fu proprio il presidente bianconero, l’avvocato Umberto Agnelli, a proporre alla Lega l’idea di istituire un simbolo che celebrasse il raggiungimento del decimo scudetto. E proprio in quell’anno ci fu la delibera della Figc che diede il via libera al distintivo per tutte quelle società che sarebbero riuscite ad ottenere dieci trionfi.

La Juventus oggi ha tre stelle, mentre Inter e Milan (con i loro 19 scudetti) sono solo ad un passo dal raggiungere la seconda. I nerazzurri, come detto, vedono questo trionfo sempre più vicino.

La stella degli scudetti nelle altre occasioni

Sarà capitato a molti di vedere che il Bayern Monaco sulle proprie maglie ha ben cinque stelle. Questo non significa che abbia 40 titoli, ma semplicemente sono frutto di una decisione del 2004 con cui si dispose che avrebbero potuto avere 1, 2 3 o 4 stelle le squadre che avessero già vinto 3, 5, 10 o 20 titoli. In realtà i bavaresi ne hanno vinti 33 e nel frattempo le stelle sono già diventate cinque.

E in altre nazioni e in altri sport le stelle possono avere un’altra applicazioni. Nel mondo delle nazionali ad esempio ricordano il numero di titoli mondiali vinti. Basta dare un’occhiata al logo della Figc che rappresenta anche la Nazionale italiana che mette in mostra le quattro stelle relative alle Coppe del mondo vinte (1934, 1938, 1982 e 2006).

1 thoughts on “Stella e scudetti: cosa significa, perché si usa. L’Inter punta alla seconda

  1. Anna Maria Scotto ha detto:

    È una vergogna, l’Inter è una merda, comodo vincere così

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *